Bono è nudo ma non ditelo ai giornali

Il cantante degli U2 prende a sberle l’informazione idiota di casa nostra. 

Non passa giorno senza che i media pubblichino stupidaggini spacciandole per informazioni o, peggio ancora, opinioni. Le ultime sono firmate da Gino Castaldo, critico musicale di Repubblica, che attacca Bono per aver parlato male, qualche giorno fa in un podcast, del nome “U2”, di molti brani e addirittura della propria voce.

Un lettore con un minimo di autoironia sorride e fa il tifo per Bono. Non tanto per quel “non mi piace la mia voce”, che è un classico tra i cantanti. Decisamente più coraggioso il fatto di stroncare canzoni che hai venduto a milioni di persone.

Eppure non conosco nessun amante degli U2 che sia sentito tradito o abbia gettato i dischi dalla finestra. Bono può aver scherzato, esagerato apposta, reagito male. Magari era stato multato da un vigile prima dell’intervista. E comunque, da buon artista, ogni tanto dà di matto e dimentica di essere a capo di un’azienda multinazionale. Succede.

Stupisce invece la reazione di Castaldo, la cosiddetta informazione. Che ci va giù pesante: “La verità è che imbarazzati siamo noi per come distrugge un patrimonio e si fa beffe della credulità della gente”. E poi: “Le rockstar possono impazzire, è bene tenerlo a mente”. E vai con un pippozzo moralista con l’apice dedicato alla sofferenza “di tutti quelli che hanno pensato che Joshua tree fosse uno dei dischi più belli mai pubblicati e che Achtung baby e One fossero frutto di illuminazioni superiori”.

Non poteva mancare la chiusura retorica e teatrale: “Ci siamo sbagliati tutti, hanno fatto schifo, è stato un abbaglio. Ce lo dice Bono, la voce del gruppo, quello che ha scritto le canzoni che credevamo capolavori e invece sono calessi, bagatelle, schifezzuole. Caro Bono, ma arrivati a questo punto, non era meglio tacere?

Su chi dovrebbe tacere avrei altre idee, ma non importa. Ci metto invece una morale anch’io, meno teatrale. Non sugli U2, che apprezzo ma non ho mai amato. Su Castaldo, la perfetta immagine del giornalismo oggi: l’arte di guardare il mondo dal proprio piccolo punto di vista, senza umiltà, fantasia, curiosità.

Per quelli come Castaldo i miti sono indispensabili: che siano cantanti, calciatori o uomini politici, “quelli che ce l’hanno fatta” diventano la soluzione più facile per avere riferimenti precisi. È così difficile nel mondo di oggi. Succede in modo automatico anche a noi persone, portate istintivamente a mitizzare il politico migliore, lo scrittore, l’autore, il cantore (oggi perfino il cucinatore, dannazione).

Il giornalista mediocre ha capito che per raccontare le gesta di un presidente di regione, di un chitarrista o di un centrocampista, diventa tutto più semplice se li metti sotto ai riflettori e li chiami campioni, supereroi, fenomeni, geni. Con la piacevole conseguenza che un po’ di quella luce illumina anche te.

Mi piacerebbe rileggere le decine di pezzi in cui i mille Castaldo della musica osannano i loro eroi: “Pietra miliare della musica”; “Capolavoro fuori dal tempo”; “Intuizione musicale di origine divina”. È lo stesso identico stile del più stupido giornalismo politico, sportivo, economico, culturale.

Morale. Ogni volta che un qualsiasi Bono scherza su un mito, ad andare in crisi non siamo noi persone. Ci mettiamo un attimo a trovarne uno di nuovo. A crollare sono i cantori dei miti, costretti a ricominciare tutto da capo.

Io comunque ringrazio sia Bono che Castaldo. Mi aiutano a ricordare che l’ultima cosa di cui posso fidarmi sono proprio le mie banalissime opinioni. 


Odio le parolacce (4)

Tra le peggiori parolacce di quest’epoca, “visualizzare” e soprattutto il sostantivo “visualizzazioni” sono diventate comunissime soprattutto nel mondo web. “Ha avuto un sacco di visualizzazioni!” si dice comunemente.

Facciamo un piccolo sforzo: buttiamo via questa parola lunga (sei sillabe, un record), rumorosa (tre zeta e una esse, un orrore) e soprattutto sbagliata.

Visualizzare non è sinonimo di vedere. Alla lettera significa: rendere visibile qualcosa che non lo è. La macchina con cui vi fanno i raggi, all’ospedale, visualizza lo stato interno del vostro corpo. Non avete altro modo di farlo.

Si visualizza anche nel mondo dello sport. Agli atleti si dice: “Visualizza te stesso mentre raggiungi un traguardo”. È un gioco di fantasia che dà fiducia.

Quindi visualizzare significa riuscire a vedere qualcosa che non esiste realmente. Un video esiste. Una foto esiste, anche se digitale. Un post esiste. Quindi non possiamo visualizzarli: li vediamo e basta.

La parola giusta è visioni. “Quante visioni ha avuto il mio video?”  Certo, “visione” ha anche un senso figurato, che ci frega. Ma è la parola giusta. Il suo primo significato è perfetto. Quel che vedo è una visione, punto e basta.

Ps: le iscrizioni al “Discorso del re” e ad “Altrimenti ci arrabbiamo” proseguono fino al prossimo lunedì. Forza: dovete semplicemente… vedere di che si tratta (pdf nei post precedenti), visualizzare l’effetto che avranno su di voi e iscrivervi.

Come si accenta la pandemia

Partiamo dal primattore, il Còvid. Si pronuncia con la o aperta, come mòda e nòdo. Facile, giusto? Quasi come pandemìa, che avendo l’accento sulla i non permette di sbagliare e mette tutti d’accordo. (Ricordo che solo le migliaia di parole accentate in “e” ed “o” mettono in crisi tutti noi italiani)

Occhio infatti a pandèmico, che si pronuncia con la è aperta, come la terza persona del verbo essere. Non pandémico con la e di séte; è un milanesismo che non si può sentire.

Lo stesso vale per quarantèna, termine di uso quotidiano; che ci piaccia o meno la e accentata si pronuncia aperta & rotonda. Bresciani, milanesi, comaschi, eccetera… rassegnatevi! E abituatevi a spalancare la bocca anche per medico. Mèdico, accidenti! Come l’influènza, che si pronuncia così, con la e aperta. Pazienza se il suono dell’influènza fa rabbrividire tutto il nord, dalla Val d’Aosta alla Venezia Giulia.

A piemontesi, pugliesi, calabresi e siciliani in primis, sottolineo invece che parole pandemiche quali protezióni, untóre e perfino respiratóre si pronunciano con la o stretta. Come il dottóre, tra parentesi.

Al contrario, il laboratòrio è sempre aperto, non solo per sfornare risultati: la o si spalanca, va bene? Non c’è altro sistèma – con la e aperta – per una vera ripartènza – anch’essa aperta, che ci piaccia a meno.

Altrimenti tutti in isolaménto, sempre attenti al distanziaménto, ma con le e chiuse, a denti stretti, come faticano a pronunciare marchigiani e campani.

Concludo raccomandandovi la massima igiène, con la e aperta. Altrimenti per l’immunità di grégge – con la e ben chiusa – dovremo aspettare chissà quanto ancora.

Nel frattempo… venite a fareIl discorso del re”. Qui tutti i dati e le date. Per conoscere l’anima della lingua italiana, parlarla bene, farsi capire prima e meglio. Fuggiamo da questo lazzaretto al più presto. E impariamo… ad accentarlo. Lazzarètto, come il tètto e l’effètto? Oppure lazzarétto come lo strétto e l’ométto?

Odio le parolacce (3)

Quando leggo “una commedia esilarante” scappo a tutta velocità. È forse l’aggettivo più abusato in quest’epoca di pandemia.

Chiuso in casa a guardare la tivù, cercando informazioni su film sconosciuti, m’imbatto decine di volte sul dannato “esilarante”. Mi dà l’idea di una specie di garanzia che dovrebbe sciogliere ogni resistenza e lanciarmi nella visione.

Chi scrive “esilarante” pensa sia sinonimo di divertente. Invece significa “che fa ridere a crepapelle, fino alle lacrime”.

Ora, di film capaci di tanto ce n’è forse uno su trenta. Forse. I restanti strappano al massimo qualche smorfia. Morale: se il film fa sorridere, limitatevi a “divertente, piacevole, accattivante”. Se strappa perfino qualche risata, scrivete “comico, spassoso, umoristico”. Esilarante basta. A esagerare si diventa solo più esili.

Odio le parolacce (2)

Le parole brutte, stupide e soprattutto abusate sono tantissime. Quindi perché darsi tanta pena? Perché un po’ alla volta bisogna smascherarle. Che ne dite di mozzafiato? Una delle peggiori, secondo me.

La si legge ovunque: non esiste luogo, paesaggio, panorama, scorcio, immagine che non venga definita mozzafiato due volte su tre. 

Ora, le cose che mozzano il fiato, cioè che ti lasciano per un attimo senza respiro, sono pochissime: alcune giostre estreme; un pugno nello stomaco; una notizia forte del tutto inattesa. Ma non un paesaggio, dannazione. Un bel paesaggio ha l’effetto opposto, semmai: rilassa, rallenta la respirazione e apre un respiro vero e profondo.

E poi la parola in sé: il verbo mozzare è brutto come pochi e decisamente più regionale che nazionale. Dall’Emilia in su non si può sentire.

Quindi, se usate mozzafiato per evidenziare qualcosa di bello, fatemi il favore: tre secondi di sforzo mentale alla ricerca di alternative. Ce ne sono a decine.

Ps: un corso che non mozza ma rilassa il fiato, scioglie la respirazione, cancella le tensione va in scena on line dalla fine del mese: si chiama “Altrimenti ci arrabbiamo” e ne trovate notizia qui: informazioni, caratteristiche, costo.

Impariamo a non prendercela, a sciogliere le tensioni, a essere più consapevoli dei nostri inevitabili rancori. Si può e si deve.

Odio le parolacce (1)

Una delle parole più abusate nel mondo della formazione è “efficace”. Leggo decine di “comunicazione efficace”, “soluzione efficace”, “prodotto efficace” e vai pappagallando. 

Non mi chiamo fuori: mi rendo conto di averla usata a raffica anch’io, spesso vergognandomi ma incapace di trovare un sinonimo. Perché sembra proprio una parola utile e chiara. Non lo è.

Che senso ha scrivere “Corso sulla gestione efficace di un gruppo”? Può esistere un incontro sulla gestione scorretta, sbagliata, scandalosa, vergognosa di un gruppo? Quindi basta e avanza “gestione di un gruppo”. Così come “corso di scrittura” è decisamente migliore di “corso di scrittura efficace”. Insomma: o aggiungiamo qualcosa di sensato (scrittura intuitiva, leggera, a cuore aperto, elegante…) oppure niente.

Giuro che non aggiungerò mai più efficace: aggettivo roboante quanto inutile, irreale e insulso.

Ma voi volete una controprova. Efficace, magari. Eccola: avete mai usato “efficace” nel parlato? Pensateci. La risposta è no. Mai avete detto: “Prova questo prodotto per i vetri: è davvero efficace!”. Né lo avete associato a un guinzaglio, a un liquore, a un computer, a uno sgabello, a un mitragliatore, a un polimero, a un parapendio.

Ma magari sbaglio io. Se mi dite che i vostri partner vi dicono “Sei un amante davvero efficace”, vuol dire che non ho capito niente: ritiro tutto e vi chiedo scusa.

Pst: Iscrivetevi al Discorso del re di febbraio. Qui c’è tutto quel che serve. Dizione, eleganza nella voce ma anche nella scelta delle parole, ok? È un corso davvero eff… effervescente.

Scrivere: arte o artigianato?

Chi lavora con la comunicazione non passa giornata senza analizzare errori e orrori della scrittura: perfino mangiando un boccone all’Ikea.

Ogni volta che leggo qualcosa faccio questo giochino: taglio, accorcio, semplifico, riscrivo. Perché è raro trovare cose ben scritte. Perfino dove la buona scrittura dovrebbe essere un principio.

Ho scattato questa foto tra i tavoli del ristorante Ikea. Ma l’immagine è la stessa che trovate ovunque: locali, aziende, negozi, uffici… Leggetelo con cura: non c’è una parola giusta. Sciatteria totale. Copiaincolla senza ritegno. Festival del burocratese.

Partiamo dal titolo. Il concetto chiave è: rispetta le distanze. Due parole. A che serve allora quel “ricorda di“? E poi: perché “distanziamento“? Chi è il burocrate che ha scritto questa parola tremenda di cinque sillabe quando la semplice “distanza“, tre sillabe, dice lo stesso in modo più chiaro?

E infine: che significa “sociale“? Può esistere una distanza asociale? Il burocrate intendeva sottolineare che dobbiamo mantenere la distanza dalle altre persone (quindi appartenenti alla società) e non da… animali, oggetti, entità spirituali? Mah. Il risultato è uno sbrodolare di parole superflue e oleose.

Andiamo al testo: “L’utilizzo di questo tavolo...” Haaaaaargh! L’utilizzo? Ci rendiamo conto che l’abuso di “utilizzare” ha raggiunto livelli criminali? Si dice usare, dannazione, usare! Utilizzare è inutilmente lungo, ha un suono orrendo e perfino un altro significato. Possibile che nessuno se ne accorga?

E poi: “è consentito“. Ma dove siamo, nel regno della tristezza infinita? Non era più chiaro, delicato e breve (tre sillabe contro quattro) “è permesso“?

Infine: “… a persone singole“. Chi mai saranno le persone singole? Esistono persone multiple o duplici? Avevano paura a scrivere sole?

Va bene, lo riscrivo come dio comanda.

Titolo: Rispetta le distanze

Testo: Siedi solo o con famigliari.

Tre parole contro 14. Un quarto di sillabe. Due secondi per capire contro i dieci dell’originale.

In sintesi. Scrivere è certamente un’arte. Ma soprattutto artigianato. Anche Michelangelo passava più tempo a limare, tagliuzzare, rifinire che non a creare. Chi scrive deve semplificare prima ancora di scrivere. E dopo aver scritto si comincia davvero: leggere, rileggere, limare, tagliare, ritagliare ancora. In alcuni casi non basterà. Bisognerà buttare tutto e ricominciare da capo.

E adesso venite a fare un corso da me, se ne avete il coraggio.

Matteo Rinaldi

La vera voce del pensiero positivo

Nessuno di noi si rende conto della voce con cui dà vita ai pensieri. Men che meno dei danni che spesso provoca, a sé stesso in primis, animando idee e sensazioni in modo sbagliato. Il pensiero, si pensa, è un pensiero e basta. Non è vero: il pensiero è un dialogo tra noi e noi, che ha voci, colori, toni e parole che usiamo in modo inconsapevole

Dopo anni di lavoro con le voci, ho capito che io per primo non ho mai dato il giusto peso alla voce che accendo tra me e me. Ma quando la voce è sbagliata come ne esco? Che passi avanti posso fare se l’unico contraltare che ho… predica dall’altare?

Prima cosa da fare: essere più consapevoli. Provate. Pensate a quel che state leggendo, in questo esatto momento. Con che voce lo fate?

Scoprirete presto che le nostre idee prendono vita con una voce spesso sbagliata. Se il pensiero è difficile, la voce che lo accompagna sarà negativa. Una voce negativa è un freno: ci impedisce di dialogare davvero e di trovare vere soluzioni.

Vogliamo migliorare? Sto costruendo un corso che permetta a tutti di fare un passo avanti, con un lavoro di gruppo. Lo immagino in un ambiente particolare: una giornata alle Terme euganee, con parte del lavoro in aula e parte in acqua. Perché l’acqua, ambiente reale, è molto simile all’ambiente “virtuale” in cui la testa s’immerge quando ragiona con sé stessa.

L’obiettivo è dare la giusta voce ai pensieri, fare ordine nelle idee, essere coordinati, capaci, sereni. Evitando i soliti pensieri circolari.

Prossimamente su questi schermi. Nel frattempo, provate ad ascoltare con un po’ d’attenzione la voce che usate tra voi e voi. Soprattutto quando i pensieri sono difficili, critici, preoccupati, impegnativi. Non sarà una bella scoperta; ma sarà utile per capire e cominciare a migliorare.

Matteo Rinaldi

Una serata con Igor Sibaldi

Una serata con Igor Sibaldi. Per capire come ragioniamo e perché siamo tutti vittime della nostra cultura e delle nostre abitudini. Ma anche come venirne fuori per diventare chi siamo davvero.

(Attenzione: pezzo lunghissimo e ormai d’epoca (2016): ma mi serviva per reimpostare il sito. E comunque leggere on line fa bene, altro che su carta!)

Vi racconto una serata con Igor Sibaldi. Igor è un pensatore, scrittore, filosofo, teologo… No, con tutte queste cariche rischio già di farlo apparire molto meno chiaro di quanto realmente sia. Forse, per provare a definirlo davvero, è meglio prestargli un nome meno banale. Sibaldi è un uomo che cerca di dare alla vita un senso. Madonna, che promessa. Eppure fa proprio questo. Lo fa attraverso le parole, perché sono loro che ci aiutano, e ci fregano, quando cerchiamo il senso della vita. E lo fa narrando storie, a partire dai testi sacri, Bibbia in primis. Testi che studia e riscrive con traduzioni e chiavi di lettura che ne cambiano completamente il significato più comune. Infine fa l’allenatore. Sì, l’allenatore del pensiero, perché ti invita a giocare con le tue stesse sensazioni, intuizioni, logiche. Per farti capire che spesso ti prendi in giro da solo. Insomma, Igor è soprattutto una chiave: una chiave di lettura per i tuoi stessi pensieri, sentimenti, paure, domande e risposte. E quindi  un aiuto per trovare strade che ti portino alla cosa più difficile del mondo: te stesso.

Ma prima di cominciare mettiamoci d’accordo:
1) una serata “con” non significa “a fianco a fianco” ma tra il pubblico.
2) Igor Sibaldi va comunque scoperto di persona. Potete cominciare con un video su Youtube: se superate lo scoglio dell’audio, sempre pessimo, trovate lunghi filmati dei suoi incontri pubblici. Difficile restare indifferenti:se vi irrita abbandonate subito; se vi piace arrivate in fondo. Nell’ultimo caso, questo pezzo può fare al caso vostro.

A me piace ascoltare Igor come un narratore che, partendo dalle sacre scritture, cerca chiavi originali e verosimili per capire il nostro presente e il nostro futuro. Lo fa con il valore in più della leggerezza e dell’ironia; e con una testa che pensa veloce, improvvisa, lega senza fatica apparente concetti lontani tra loro. E che ogni tanto – c’è sempre il rovescio della medaglia – ingarbuglia il filo logico e ti lascia a bocca aperta a chiederti: sono scemo io o sta facendo casino lui? Io ho stabilito che la responsabilità è al 50%. Voi fate come volete.

Pst: post mortem (la mia, non la sua), quando il mondo recupererà tutti i miei testi e capirà che razza di scrittore-cronista si è lasciato sfuggire, Sibaldi sarà molto fiero di questo resoconto. E soprattutto imparerà a usare il microfono e a regolare l’audio nei suoi seminari. Nel frattempo, vado a cominciare.

Arrivo alla serata sibaldiana con una prenotazione a voce. L’associazione La Corte di Creazzo (Vicenza) che organizza l’incontro chiede 50 euro, sacranon: un prezzo da rockstar. Pago volentieri solo perché Igor è diventato Igor senza bisogno di tivù o grande stampa; solo web e passaparola. E perché le donne della Corte sono molto simpatiche e si fidano della parola data.

All’ingresso si accalca un centinaio di persone. A una prima occhiata penso “belle persone”. Sorridenti, abiti tipo i miei (cioè un po’ slandroni), qualche freak e post freak, gruppetti new age, un paio di uomini con pantaloni a coste larghe che andavano di moda negli anni settanta e oggi sono ammessi solo in libreria, tra gli scaffali dei libroni intellettuali.

Ma mi colpiscono soprattutto i volti e le espressioni, senza troppe smorfie e rigidità. Insomma: persone in cerca di equilibrio. E quindi già ricche di equilibrio, come tutti quelli che stanno cercando sé stessi, la cosa più difficile e bella da cercare. Ho dimenticato computer, carta e penna ma ci vuol altro a fermarmi: prendo appunti sul telefono, via wattsapp.

Entro in sala: siamo più di cento, età dai 35 ai 65. Faccio un conto alla bell’e meglio: quanto fa 100 persone per 50 euro? Fa una bella cifra, sacranon. Sibaldi si affida da qualche tempo a una società di promozione, antipaticissima a partire dal nome, anglofono e paraculo. Ma evidentemente efficace, stando al pienone. Intanto l’inizio ritarda di un quarto d’ora. Forse è una scelta della rockstar, che si fa un po’ attendere. Forse aspetta che i ritardatari s’accomodino. O forse è proprio arrivato all’ultimo perché, ci avvisa la presentatrice, viaggia in treno. Anche questo me lo rende più simpatico del simpatico.

Noto che uno dei tipi all’ingresso ha gli stessi lineamenti di Sibaldi, ma più duri: sta in piedi al banchetto dei libri in vendita, controlla con aria truce, valuta l’andazzo. Secondo me è il fratello cattivo, quello che si occupa dei soldi. Prendo appunto: devo procurarmi anch’io un fratello cattivo.

A proposito: magari comincio dal titolo. Il seminario si chiama “Intuizione e attenzione: come non rimanere indietro nell’evoluzione” e non c’è modo di capire di che si tratti se non proseguendo nella serata e nella lettura. Igor saluta e comincia: ha la battuta pronta, un sorriso rilassato e nessuna aria da fenomeno. Spiegatelo a quelli che vorrebbero apparire fenomeni: è proprio cercando di esserlo che non riusciranno mai.

Osservo Igor da comunicatore: è bravo perché sta sempre in piedi, perché cerca e trova il contatto col pubblico, perché ha un colore di voce molto particolare di cui, credo, non è nemmeno consapevole. È proprio quel colore di voce che gli permette – oltre alle parole, ai concetti, alle idee – di tenere l’attenzione del pubblico anche per tre ore di fila, senza stancare.

Nella comunicazione fisica è decisamente meno efficace: se il viso sorride e cerca un contatto, il corpo tende a nascondersi e chiudersi. Arretra, forse involontariamente, appoggiandosi al tavolo alle sue spalle. La mano destra si rifugia troppo spesso in tasca o cerca un appiglio sul tavolo.

La sinistra fa di peggio: tiene ben stretto il vero incubo di ogni incontro sibaldiano: il microfono. Igor parla sempre al microfono, che in una sala di cento persone serve solo a creare distacco. Ma soprattutto: ci fosse una volta che regoli l’audio in modo decente. La sua voce, attraverso le casse, è distorta da un gracchiare continuo e da echi e riverberi dei toni alti. Da buon maniaco, li sento più degli altri. Ma anche sul Tubo ascoltare la sua voce è quasi sempre un’impresa.

Ho scoperto che parlare preparato e organizzato non mi aiuta – comincia Igor – Perciò facciamo così: il trenta per cento di quel che dico è quel che so. Il resto lo improvviso. È un vantaggio anche per chi è qui ma mi ha già seguito di recente”. Bravo. Non è facile improvvisare. Ha i suoi vantaggi e i suoi svantaggi.

“Vi ringrazio soprattutto per essere venuti qui a farvi mettere nuovi problemi addosso”, ammicca. Ma questa la dice sempre, mi sussurra una vicina esperta. Ah, a proposito: novanta persone su cento sono donne. Vorrà pur dir qualcosa. Anche ai corsi di comunicazione la media è la stessa, a partire da quelli che tengo io. Le donne capiscono molto meglio difficoltà e bellezze del comunicare.

Il cuore della serata sibaldona lo possiamo riassumere così: ho cercato di tradurre in scrittura le due ore e mezza di racconto, in parte improvvisato, dal quale non sempre ho trovato una logica ferrea. Chissà che non sia proprio la scrittura a rendermelo più chiaro e trasparente.

“Ci sono cambiamenti improvvisi in natura. Cambiamenti profondi che non rispettano le logiche evolutive. Si chiamano Speciazione. Così come è successo nella storia dell’evoluzione animale, non sempre il cambiamento avviene per gradi. Non sempre ha bisogno di migliaia d’anni. Ogni tanto ci sono cambiamenti improvvisi che mettono i crisi gli studiosi. La pianta di una specie produce una nuova pianta che si distacca nettamente dalla specie madre. Ecco, la nostra evoluzione oggi segue la stessa strada: è un momento di grande cambiamento e la differenza che già vediamo è nettissima”.

“Prima cosa: i grandi cambiamenti oggi non sono fisici ma psicologici. Il futuro non porterà grandi novità tecniche o scoperte rivoluzionarie, ma un nuovo modo di guardare la vita. E quindi soprattutto sé stessi. Questo modo nuovo va preso al volo. Altrimenti si resta inchiodati a un passato per il quale non c’è più spazio. Di alcune cose ce ne accorgiamo già tutti: il passato fatto di impieghi sicuri, di geografie precise, di modi di vivere radicati non esiste già più. Prima lo si accetta, prima si impara a trovare nuovi equilibri. Ma lavoro a parte, tutto sta cambiando a una velocità impressionante. Restare fermi significa far parte della specie che non si evolve più.”

Se la prima parola chiave è Speciazione, cioè diventare persone che appartengono a una nuova specie per modo di vedere, sentire, affrontare e amare la vita, la seconda parola chiave è Situazione“Situazione è quella in cui viviamo. In questi anni è una Situazione unica nella storia. Se chiedete a mille persone quali saranno le prossime grandi scoperte tecnologiche, otterrete risposte sorprendenti: ‘Non ci sarà niente di più di questa tecnologia, solo piccoli cambiamenti’, vi diranno quasi tutti. Nessuno oggi riesce a immaginare uno sviluppo rivoluzionario come quello che abbiamo appena vissuto. Nessuno immagina qualcosa che abbia la forza innovativa di computer, telefonini, internet, eccetera. Ricordate trent’anni fa, quando arrivarono i primi fax? Eravamo tutti sconvolti dalla novità. Pareva impossibile andare oltre. Dopo vent’anni il fax è già preistoria. La stessa cosa avverrà tra trent’anni per la maggior parte delle cose con cui conviviamo. Ma stavolta non pensate agli oggetti, ma agli atteggiamenti, alle idee, al modo di affrontare la vita.

“Oggi non riusciamo nemmeno a immaginare il futuro. Viviamo quello che in psicologia si chiama ‘Shock del presente’. Comprensibile, ma pericoloso: chi ragiona pensando che non stia succedendo niente è fregato. Sta sempre accadendo qualcosa. Non solo è necessario staccarsi da questa idea di immobilità: è indispensabile staccarsi anche dalle persone che la pensano così. Se non metti distanza tra te e loro sei già perduto. Fai parte del passato. Non tradisci loro ma te stesso, che è il tradimento peggiore.”

Trovo una certa difficoltà nel far quadrare i concetti, ordinarli, dar loro una logica: parlando a braccio, Sibaldi salta nel tempo, nel modo e nello spazio. Mi pareva di seguirlo perfettamente finché ero lì, ma fuori dalla sala, mezz’ora dopo, senza gli appunti avrei già perso la logica e la continuità. Perfino con gli appunti, qualche collegamento mi sfugge. Ma la voglio, una logica.

“La nostra testa funziona un po’ come il motore di un’auto: rispetta l’ordine delle marce. Quando guidi devi cambiare: all’inizio meccanicamente, poi in automatico. Anche la testa lavora così. Peccato che questo automatismo sia spesso controproducente. Perché i suoi sette “rapporti”, quelli con cui diamo ordine a tutto ciò che facciamo, pensiamo e crediamo non sono sempre un vantaggio. I nostri sette rapporti si chiamano: Sensazione, Pensiero, Ragione, Sentimento, Morale, Intuizione e Attenzione. Sono le sette chiavi con cui diamo vita alla nostra realtà. Vediamo di capirli, per capire come funzioniamo.

“La Sensazione è qualcosa che conosciamo bene: quando arriva la sentiamo. È importante, eppure spesso la lasciamo in secondo piano perché la consideriamo meno importante rispetto alla Ragione. Di lei ci fidiamo. Eppure la Ragione lavora in modo meccanico: non chiede mai il perché delle cose. Chiede dove, come e quando: devo andare, devo fare, comincio alle otto, agisco così, rispondo colà… E siccome non si chiede il perché, va a finire che agisce usando esperienze e obiettivi di altri, che abbiamo preso per buoni senza farli nostri. Quando pensiamo “È ragionevole fare così”, significa “altri lo hanno fatto e lo trovano giusto”. Quasi mai “è giusto per me.

“Il Pensiero agisce libero, ma solo apparentemente. Perché alla fine fa sempre i conti con la Ragione. Pensiamo a una cosa che ci piacerebbe fare: senza il benestare della Ragione, non la facciamo mai. Quindi il Pensiero ha un limite fortissimo, perché non ha quasi mai vera libertà.

“Il Sentimento è una forza apparentemente incontrollabile, nella quale crediamo moltissimo. Ma anche lei è sotto il controllo della Ragione. Faccio bene a provare questo sentimento, ci chiediamo. Se la risposta della Ragione è no, neghiamo il Sentimento. Fino ad abbandonarlo, lentamente ma inesorabilmente. Tanto più che fa i conti con la Morale. 

“Impietosa, la Morale. È lei che ci chiede: “È giusto quel che fai?” e di solito risponde a frasi fatte. Fateci caso: la risposta è “Sì perché così bisogna fare, così è scritto, così mi hanno educato. E soprattutto: sì perché lo fanno anche gli altri, lo fanno tutti”. Non è quindi un vera risposta: è una convenzione. Significa accettare regole imposte da altri, che non sentiamo nel profondo di noi.

“Eccoci all’Intuizione. Si distingue nettamente dalle altre perché agisce libera. L’intuizione arriva dal niente, lancia un’idea, vede quel che il Pensiero non vede e che Ragione e Morale ci impediscono di guardare. Pensateci: fin dall’anima della parola stessa (“in-tui” sta per “in-tuo”, ovvero in te) ti dice che quella è la chiave per andare d’accordo con te stesso. È una delle cose più nostre su cui contare. Eppure, frenata da Ragione, Pensiero e Morale, sparisce senza lasciare traccia. Infatti oggi c’è pochissima intuizione in giro. Sia dentro che fuori di noi. 

“Quante volte le persone dicono: ah, se avessi dato retta al mio intuito! Mai avete sentite dire: ‘Purtroppo ho dato retta al mio intuito’. L’intuizione oggi va usata e sfruttata. Dobbiamo valorizzarla al massimo, perché è lei che ci porta verso un futuro tutto da inventare. Senza farsi frenare da Morale, Ragione e Pensiero. Altrimenti non si cambia, non si cresce, non si va da nessuna parte. E qui bisogna mettere all’opera la settima marcia: l’Attenzione.

“L’Attenzione è una specie di funzione extra: consiste nel prestare attenzione al nostro io. Qualunque sia il vostro obiettivo, il vostro sogno, la vostra idea, qualunque sia l’Intuizione che avete avuto, dovete accendere l’Attenzione per capire se è in linea con il vostro io. Volete veramente quel che pensate di volere?” 

È una gran bella domanda. Porsela aiuta a capire chi siamo davvero. Ho scoperto che nella vita è difficilissimo raggiungere desideri apparentemente semplici, nonostante anni di lavoro e mille e più sforzi. Basta qualcosa in noi che ci impedisce di volerli davvero. Ma per la stessa logica, desideri impossibili arrivano con molta più facilità. Perché quel che conta è soprattutto l’intensità e l’attenzione con cui li nutriamo, non la razionalità. Perché buona parte dei nostri obiettivi non sono veri obiettivi: crediamo di desiderarli, in realtà li temiamo. (chiudo con le mie note e arrivo fino in fondo)

“Per dare vita all’Intuizione dobbiamo usare molta immaginazione. È una delle cose più sottovalutate ed efficaci su cui possiamo contare. In Occidente si parla al massimo di “visualizzazione”, che consiste nel vedere, con la fantasia, quel che vorresti nel futuro. Ma l’immaginazione è molto di più. Puoi forse visualizzare un odore? Una sensazione di pancia? L’immaginazione offre tutto questo. È figlia non solo del futuro e della fantasia, ma anche del ricordo. Usa anche quel che conosci e ricordi, per immaginare. Siamo abituati a ricordare soprattutto pericoli, errori e fallimenti; ma proviamo a ricordare anche i successi, le bellezze, le soddisfazioni, le grandi gioie. Impariamo a ricordare quel che conta davvero, che è importante per noi, non che importa agli altri.

“Immaginare è bellissimo. È il primo passo per imparare anche chiedere e quindi a ottenere. Immaginare mette in moto un’altra arma potentissima, la “competenza senza comprensione”. Si tratta della capacità di fare cose difficilissime, a volte impensabili, senza la sicurezza di saperle fare. Non siamo consapevoli di tutto quello che in realtà sappiamo fare benissimo. Ma solo così raggiungiamo le migliori bellezze della nostra vita.

“Non pensate che si tratti di cose nuove da aggiungere alle già tante che abbiamo dentro e fuori. È soprattutto un lavoro di liberazione. Dai pesi che ci tengono inchiodati. Dalle parole che usiamo e ci imprigionano. Sono tantissime. A partire da parole come consapevole, comprendere, comunicare. La loro parte iniziale è “con” e ci appare bellissima, perché condivide. È invece il loro limite maggiore. Perché dobbiamo liberarcene, per fare un vero passo in avanti, verso il futuro. Agire senza coinvolgere altri. Agire seguendo sé stessi, le proprie intuizioni. A volte quello che ci impedisce di usare l’intuizione è proprio quel che ci lega agli altri. E ci fa paura.

“La Paura è il nostro nemico numero uno. Un nemico assurdo, perché in realtà abbiamo paura di una cosa sola: della paura stessa. Non faccio una cosa perché ho paura di avere paura. Invece bisogna fare ogni cosa, perché solo la paura ci tiene inchiodati nella nostra ‘zona di confort’. Bel nome per una situazione triste: non c’è nessun confort lì dentro, ma solo qualcosa che ti è noto. Magari brutto, scomodo, triste ma noto. E tanto ci basta per restare lì.

“La paura spegne l’intuizione. Dalla paura devi liberarti, per cominciare davvero. Ma è facilissimo: basta riconoscerla e chiamarla per nome. Appena lo fai è già sconfitta. Quando impari a sentire la paura, impari a superarla. È il tuo inizio. Pensate solo a quella che è una delle nostre peggiori paure: la “paura dei nostri limiti”. Non capiste che è assurda, a partire dal nome? Se riconosciamo i nostri limiti, ovvero i confini, se già li vediamo, vuol dire che abbiamo visto quel che c’è oltre. Quindi siamo già al di là. Dei limiti e della paura.

“E dopo la paura, addio al Senso di colpa. Un altro problema chiave. Noi ragioniamo così: esistiamo nella misura in cui non abbiamo ottenuto risultati nella vita. Diamo forma a quel che siamo in base a ciò che non siamo riusciti a fare e ottenere. Il senso di colpa ti dice: “Sento che sono qualcosa con dei limiti”. Questa consapevolezza non dà scampo. Perciò va risolto, perché frena il desiderio di conoscere e cambiare. Pensate a quanto è facile quando fate una cosa semplicissima: mettete distanza fisica. Basta un viaggio, qualche centinaio di chilometri, e sentite che il senso di colpa sparisce. A volte basta spostarsi di pochissimi chilometri.

“I freni da cui liberarsi sono quasi finiti. Per dare spazio all’intuizione bisogna abbandonare anche rancore, rabbia, rimorso e rimpianto. Pericolosissimi perché figli della ragione, del pensiero e del sentimento. Eppure tutti, liberando l’intuizione, spariscono. E arriviamo agli ultimi ostacoli da cui bisogna liberarsi. Sono millenari, tant’è che ce ci hanno tramandati attraverso i ‘sette vizi capitali’, cambiandone però il vero significato. Ira, superbia, invidia, accidia, lussuria, avarizia, gola. Questi vanno analizzati meglio, per fare il salto di qualità.

“L’ira significa la ragione. Come la intendiamo noi, non è altro che una reazione all’eccesso di ragione. Conviene lasciar perdere la ragione, lasciala da parte, almeno ogni tanto.

“La superbia non c’entra niente col sentirsi superiori: è qualcosa di più grave. Significa: siccome loro non lo meritano, non tiro fuori chi sono davvero. Consiste dunque nel non aprirsi, nel non cercare un contatto possibile, restando a un livello più alto. Apriamoci, invece. Apriamoci e basta.

“Anche l’invidia, nel suo vero significato, è un problema da evitare. Invidia significa guardare il mondo con gli occhi degli altri. Ragionare con gli occhi altrui, con le loro visioni e i loro pensieri. Cerca invece le tue visioni e fidati di loro.

“L’accidia è la pre-depressione. Quella sensazione di stanchezza, svogliatezza, tristezza che ti impedisce di vivere. Superala, vivi, guarda in faccia il mondo e fatti guardare.

“La lussuria è un’altro vizio cui diamo il significato sbagliato. Significa giudicare gli altri in base all’aspetto, al fisico, alla superficie. Dire che qualcosa o qualcuno è bello o brutto significa vederne solo il corpo. Quindi negare personalità e profondità. Ma soprattutto la nostra! Andiamo oltre le apparenze, sempre.

“L’avarizia è carenza di parole, di tempo, di gentilezze. Dobbiamo invece liberarle sempre, le parole.

“E infine la gola, che non c’entra niente con il cibo. Gola significa vivere senza gusto; staccare i sensori del mi piace davvero / non mi piace affatto e accettare tutto, senza che il nostro gusto ne sia protagonista. Dobbiamo sempre gustare davvero quel che facciamo. 

“Personalmente uso i 7 vizi anche per risolvere molti problemi. Faccio così: isolo il problema e poi prendo in esame i 7 cercando di capire al quale sto lasciando spazio. Appena lo trovo, il problema sparisce. Provate a farlo pensando a un piccolo problema che avete: elencate i sette vizi uno dopo l’altro. Quello che non vi viene in mente è proprio quello che vi sta frenando ora. Provate.

“Allena e libera l’intuizione, ogni giorno di più. Fallo scacciando senso di colpa, paure, vizi, eccesso di pensieri e razionalità. Lasciati guidare da quel che intuisci. Fallo con rispetto, ma ricorda che la parola rispetto significa “guardare a distanza”. Che vuol dire: non stare troppo addosso alle cose, giudicale con una visione più generale ed efficace. E trasgredisci spesso, perché trasgredire significa superare il confine. Fai il tuo salto di qualità, e sii leggero: non puoi saltare con troppe cose addosso: la tua parte più vecchia e radicata lasciala dov’era. Deve morire e la devi seppellire.

“Se usi l’intuizione solo un po’, la tua vita cambierà solo un po’ oppure per niente. La devi liberare. Chiediti sempre: questa cosa, questa situazione, questa attività mi piace o non mi piace? E decidi che il “non mi piace” vuol dire “non lo voglio più fare”. Davanti a un paio di jeans, in negozio, il tuo “non mi piace” ti basta per cercare qualcosa d’altro. Perché nelle cose più importanti non lo fai? Fallo ovunque, sempre. E fatti aiutare dall’intuizione: è lei a dirti cosa c’è oltre, a insegnarti cosa ti piace di più. Usala per cambiare il mondo. Sembra una frase esagerata? Non lo è, perché il mondo che devi cambiare è il tuo ed è tutto tuo.”

Matteo Rinaldi

Il Mare d’inferno: perché deridere è amare

Viaggi e miraggi di un navigatore senz’arte né parte: è on line “Il mare d’inferno, confessioni di un velista eretico”. Navigazioni, tempeste, miti e riti di una passione da cui è doveroso star lontani.

Il Mare d’inferno è on line ormai da parecchi anni. E continua a vendere, poco ma regolarmente. D’altro canto non faccio nessuna promozione.

Il libro è lungo, per accontentare anche gli amanti delle trecento pagine; ma  diviso in capitoli agili, brevi e indipendenti per raccontare il mondo della vela come non l’ha mai raccontato nessuno. Vi descrive soprattutto le assurdità, le incomprensioni, gli errori e orrori di questa insana ma inarrestabile passione.

Si parte dall’iniziazione, quando tra nodi complicatissimi e parole oscure si comincia a cercare un impossibile equilibrio nell’acqua. E c’è poi la trasformazione da umani a sub-umani, quando si cominciano ad affrontare le navigazioni, le complicatissime organizzazioni, i charter, le prime regate, le fiere. Tutto da ridere, giuro. Per non piangere.

Ma ci sono anche i viaggi più belli e avventurosi, le visioni indimenticabili, le barche e i personaggi che fanno di questo sport uno degli sport più amati nel mondo civile e, non a caso, quasi ignorato in Italia.

Se non siete mai saliti in una barca vi divertirete. E se già lo avete fatto, e siete ormai drogati cronici come quasi tutti i velisti, vi divertirete uguale. Sempre che non abbiate perso anche l’autoironia, oltre che la dignità.

Ultima cosa: perché on line? Che discorsi: per un libro nato sull’acqua, sballottato a destra e sinistra, non potevo che pubblicarlo nel modo meno solido che esista.

Lo trovate qua:

http://www.digitalindex.it/il-mare-d-inferno

e questa è la sua pagina Facebook per vedere, capire, commentare:

facebook.com/ilmaredinferno

Matteo Rinaldi